Eventi

EVENTI NELLE CITTA'

Sagre, feste religiose, eventi culturali che si svolgono numerosi nei borghi e nelle cittadine che sorgono nella Tuscia Sabatina testimoniano la cultura, gli usi e le tradizioni della gente che vi abita ed è bello parteciparvi perché aprono la mente su nuovi orizzonti, fanno scoprire mondi diversi e tuttavia facenti parte della nostra realtà italiana, così unica proprio perché ricca di mille sfaccettature.

Feste Religiose Nella Tuscia Sabatina

Molto forte, nei paesi della Tuscia, è il sentimento religioso, per questo pongono molta cura nell’organizzazione delle celebrazioni sacre e assistervi, anche se non si è credenti, è molto suggestivo.
In centinaia accorrono a Trevignano, ad esempio, la notte di Ferragosto per la processione di Maria SS Assunta in Cielo, quando mille luci si accendono sul Lago di Bracciano dalle barche che accompagnano la statua.
A Tolfa, invece, si festeggia la Madonna della Sughera, la cui chiesa sorge nel verde di un bosco sui Monti della Tolfa, perché lì, nel lontano 1501, fu ritrovata da due cacciatori un’immagine della madonna col bambino. Per questo è una festa a cui partecipano tutti i cacciatori del Lazio e che unisce tradizione, sentimento religioso e passione per la caccia.
E ancora potremmo ricordare la festa in onore della Madonna delle Stelle a Oriolo Romano, o la “Passione di Cristo”, rievocazione storica della passione di Gesù che si svolge ogni anno a Bracciano: la rappresentazione iniziò con pochi figuranti nel 1976, mentre ora sono più di 150. Tale suggestiva rievocazione inizia nel centro storico di Bracciano e culmina con la crocefissione di Gesù sui bastioni del Castello Orsini- Odescalchi.

Sagre ed Eventi Nella Tuscia Sabatina

Ci sono poi altri eventi non legati al culto religioso ma che riportano in vita usi e costumi della tradizione popolare. Basti pensare al Palio delle Contrade che si svolge a Canale Monterano, durante il quale le sei contrade della città si contendono la vittoria attraverso la caratteristica “Corsa del Bigonzo”: ogni squadra deve correre lungo il corso principale di Canale Monterano portando un recipiente che nel passato veniva utilizzato per la vendemmia, il bigonzo appunto, carico di sabbia.
Da non perdere è anche il Drappo dei Comuni a Tolfa, una corsa di cavalli tra i comuni del comprensorio che alcune testimonianze fanno risalire al periodo medievale ed altre, addirittura, a quello etrusco.

Tuttavia non bisogna dimenticare gli eventi culturali, di respiro internazionale che si svolgono nella Tuscia Romana: dalla rassegna di cortometraggi “TolfaShortFilmFestival” all’ “Anguillara’s Guitar Festival” e tanti altri ancora.

Tuttavia è a tavola che si vivono meglio momenti di aggregazione e si capisce appieno lo spirito di questa terra. Per questo vi consigliamo di non mancare alle numerosissime sagre che ogni anno si svolgono nei paesi in provincia di Roma e Viterbo.
Nel mese di Giugno a Oriolo Romano si svolge, ad esempio, la Sagra dell’Acquacotta, piatto povero fatto di verdure mangiato da contadini e butteri nei tempi passati.
Diverse sono, invece, le sagre che si svolgono a Canale Monterano durante le quali è possibile gustare ogni sorta di specialità gastronomica, dalla Sagra delle Fettuccine a Giugno, alla Sagra der Cignale a Luglio, alla Sagra de li Gnocchi ad Agosto.
Sagra storica è, inoltre, la Sagra del Pesce che si svolge ad Anguillara Sabazia, ma non meno importanti sono la Sagra delle Castagne che si svolge sia a Manziana che a Bracciano, dove però prende il nome di Castelli e Castagne e la Sagra del Fungo Porcino a Oriolo Romano.